Coworker LinkNow: intervista a Roberto Bova-Conti

Mi chiamo Roberto,  lavoro nel commerciale di una multinazionale da diversi anni e mi occupo della grande categoria della cura persona.

Ho 39 anni e ho iniziato e ad entrare nel mondo del lavoro a 24 anni, subito dopo la laurea in Economia. Ho tanti sogni nel cassetto che mi fanno vedere il futuro con tanto ottimismo.

Sono anche un papà di due bambini a cui dedico, per adesso che sono ancora piccoli, tutto il mio tempo libero . E Quando mi resta ancora del tempo mi piace leggere e dedicarmi al mio orto. 🙂

 

Cosa ti ha spinto ad iniziare la tua carriera?

Dopo la laurea avevo tantissima voglia di mettermi in gioco e soprattutto guadagnare la mia indipendenza economica. La mia prima esperienza lavorativa mi ha aperto il mondo ad un settore che conoscevo poco, quello della GDO, settore per quale ancora lavoro. 

 

Come sei venuto a conoscenza di LinkNow e perché hai scelto il coworking al posto di un home office o di un ufficio privato?

Da Marzo 2020 i nostri uffici di Legnano non hanno potuto garantire la normale fruibilità delle proprie postazioni. 

Avendo due bimbi piccoli lavorare da casa è stata sin da subito una esperienza “complicata” da gestire che mi ha spinto a cercare soluzioni alternative.

 

Dopo la Pandemia sei diventato un lavoratore ibrido: per alcuni giorni lavori da remoto presso LinkNow ed in altri devi andare in azienda. È cambiato qualcosa nella tua vita personale/professionale per quanto riguarda la tua routine dopo essere diventato un coworker LinkNow?

 

Diventare un coworker LinkNow mi ha permesso in questi mesi di avere una vita più equilibrata.

Riuscire ad andare in palestra in pausa pranzo e poter accompagnare mio figlio a scuola è un lusso che qualche mese fa era inimmaginabile. Per non parlare di un risparmio di tempo notevole. Quando vado in ufficio tra andata e ritorno faccio quasi 200km.

 

Che consigli daresti a chi vuole intraprendere la tua professione?

 

Il mio non è un lavoro complicato ma richiede molta gavetta. Di avere tanta pazienza!

 

Come/ Dove ti vedi fra 30 anni?

 

30 anni sono tantissimi. È già complicato vedersi tra 5 anni. Ad ogni modo spero di aver raggiunto parte dei miei desideri.

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Smart working efficace: le soft skills da avere

Conference call: 4 regole per la riunione online perfetta

Coworking e Smartworking per lavorare meglio