Rientro dalle vacanze: 6 consigli per una ripartenza smart

Star bene anche dopo le vacanze, si può: basta riprendere alcune sane abitudini e ritagliare degli spazi per il benessere e la famiglia.

Il rientro dalle ferie (e dalle tanto attese vacanze) è un momento di grande stress, a maggior ragione in questa situazione di emergenza sanitaria. Tornare in città con la prospettiva di affrontare impegni e scadenze, scatena infatti dei meccanismi psicologici che generano ansia e malessere.

Quello della ‘sindrome da rientro dalle vacanze’, come confermato dai dati ISTAT, può essere definita come una vera e propria patologia che colpisce il 35% della popolazione (un italiano su 3 con maggiore incidenza tra i 25 ed i 45 anni).

I sintomi sono: ansia, insonnia, irritabilità e nervosismo, sensazione di spossatezza ed affaticamento, difficoltà di concentrazione, mal di testa, dolori muscolari, disturbi della digestione e del sonno, leggera malinconia o tristezza, sbalzi d’umore.

Di solito ha la durata di 1 settimana, ma in alcuni casi può portare a problemi prolungati che sfociano nella depressione.

Negli ultimi anni il problema sembra essersi addirittura acuito: di fatto si torna al lavoro già stanchi. La tecnologia, che ci permette di essere sempre connessi, a volte si rivela un’arma a doppio taglio, e così in molti non staccano mai, nemmeno in vacanza.

Le ferie in realtà rappresentano un’ottima occasione per ricaricare le energie e ripartire con nuove idee e abitudini più sane. Il segreto è pianificare, buone abitudini delle vacanze e gradualità. Ecco i migliori trucchi smart da mettere in pratica per lavorare e vivere bene.

 

Consigli per una migliore ripartenza

– Prima di rientrare in ufficio prenditi una giornata utile per disfare i bagagli, rimettere in ordine gran parte delle tue cose e riordinare i pensieri.

– Pianifica il primo giorno di lavoro. Se hai la possibilità di lavorare in smart working, il primo giorno di lavoro può essere più proficuo e meno carico di ansie. Pianificare il giorno di rientro è la soluzione giusta per affrontare con serenità i primi impegni lavorativi, ad esempio smaltire le email arretrate, senza le interruzioni e l’atmosfera frenetica dell’ufficio.

– Mantieni la modalità “out of office” anche il primo giorno. Questo serve a ridurre l’aspettativa di una risposta immediata e a gestire con più calma le attività. Sono proprio i messaggi non letti a generare stress a chi rientra: per fortuna esistono molti sistemi di gestione delle mail, che permettono di non ritrovarsi con una montagna di posta da smaltire.

– Dedica particolare attenzione alla salute. Bevi molta acqua e riduci il consumo di caffeina ed alcolici. Riprendi una corretta alimentazione, soprattutto immetti all’interno della dieta zuccheri e carboidrati semplici e complessi (saccarosio, miele, confettura, frutta, pane, riso cereali) ma senza esagerare.

– Riprendi le buone abitudini. Ricomincia l’attività fisica o lo sport preferito, da sempre ottimo alleato per combattere lo stress, aumentare il buonumore e dormire meglio. Dedicati anche alla cura del corpo ed alle attività rilassanti come una passeggiata con gli amici, un bagno caldo; il fine settimana va invece dedicato alla famiglia ed al relax.

– Ritmo sonno-veglia: cerca di dormire inizialmente almeno 7/8 ore a notte, evitando il brusco passaggio dalle 8-10 ore di sonno del periodo vacanziero alle 6-7 del pre-vacanze.

Le vacanze servono anche per ricordarci che la vita quotidiana deve essere meno stressante. Per ottenere questo risultato è importante utilizzare le ferie per migliorare la nostra capacità di star bene con noi stessi, con gli altri, con i nostri impegni, riuscire a dare il giusto spazio alle nostre passioni e interessi.

 

E tu, come hai affrontato il rientro dalle vacanze quest’anno?

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Smart working: i migliori libri da leggere
Smart working, remote working e south working: facciamo chiarezza
Uffici, lo Smartworking libera spazi da ripensare