Digital Marketing: alcuni utili strumenti per Freelance e Startup

Conoscere e saper utilizzare i migliori strumenti di digital marketing è indispensabile, soprattutto per freelance e startup.

Ma quali sono i tool che non possono assolutamente mancare nel lavoro di digital marketing? Stilare una lista completa è impossibile: gli strumenti utili sono tanti ed il loro utilizzo dipende dal tipo di specializzazione (social media manager, SEO, web designer, ads manager, eCommerce manager, copywriter, graphic designer, etc.).

Se però vuoi conoscere i migliori strumenti di marketing presenti sul mercato, scopri quelli che abbiamo appositamente selezionato per te, appartenenti a quattro diverse aree di specializzazione: web design, SEO, email marketing e graphic design.

Impara ad utilizzarli ed avrai una marcia in più rispetto a tutti i tuoi competitor.

 

Alcuni strumenti di Digital Marketing per Freelance e Startup

 

Webflow

Fino a qualche anno fa, la creazione di siti web era un prerogativa unica di programmatori e web developer. La conseguenza era quella di dover sostenere costi eccessivamente alti per poter disporre di un sito web.

Per fortuna, negli ultimi anni ha iniziato a prendere piede un vera e propria rivoluzione che assume in nome di No Code. Questo nuovo movimento si propone di creare e generare tools di marketing digitale utilizzando delle tecnologie che non richiedono in alcun modo di disporre di competenze e di conoscenze di programmazione.

Tra gli strumenti di online marketing che si sono fatti portatori di questa rivoluzione c’è sicuramente Webflow.

Un tool straordinario, che ti permette di realizzare delle splendide pagine web in pochi click. Grazie alla tecnologia drag and drop, non dovrai fare altro che utilizzare dei blocchi per strutturare l’intero sito web, in modo semplice e intuitivo.

Offre anche una serie di funzionalità e di integrazioni con i migliori software di marketing che renderanno facilissima la creazione di un sito web.

 

Ahrefs

Ahrefs è uno strumento per l’analisi e la gestione delle tue campagne SEO. Al giorno d’oggi, dove chiunque, in qualsiasi parte del mondo utilizza Google ed altri motori di ricerca per trovare informazioni, consigli, suggerimenti e novità, essere presenti nelle prime posizioni dei risultati di ricerca diventa fondamentale per portare traffico alla propria pagina web.

Esistono molti tools per la SEO, ma Ahrefs è il migliore sul mercato. Con questo strumento potrai creare delle campagne di ottimizzazione del tuo sito web e monitorare costantemente l’andamento del tuo posizionamento online. Riceverai consigli e suggerimenti su come ottimizzare il tuo sito web in ottica SEO, che ti permetteranno di aumentare in modo considerevole il traffico alla tua pagina web personale o quella della tua startup.

 

Mailerlite

L’email marketing viene spesso sottovalutato, ma disporre di una forte base di utenti a cui mandare la tua newsletter è molto importante.

Anche in questo settore, gli strumenti disponibili sono molti, ma Mailerlite è uno dei migliori per la semplicità di utilizzo, il prezzo accessibile e per le funzionalità che mette a disposizione degli utenti.

Con questo strumento puoi iniziare a raccogliere sottoscrizioni alla tua newsletter, creare flow di mail ed automatizzare il tutto.

 

Canva

L’ultimo tool è Canva, lo strumento numero uno per la creazione di grafiche, utilizzato da tutti coloro che non sono graphic designer. La sua semplicità di utilizzo le centinaia di template gratuiti messi a disposizione da Canva danno infatti la possibilità a chiunque di realizzare delle grafiche per qualsiasi occasione: siti web, social network, banner, ads, etc.

Si tratta di un tool unico nel suo genere, estremamente facile da utilizzare, che ti darà modo di creare delle grafiche spettacolari da pubblicare su tutti i tuoi canali, sia online che offline.

 

Hai mai utilizzato uno di questi tool per portare al successo la tua attività di Digital Marketing freelance o la tua startup?

 

Ti potrebbe interessare anche:

Come funziona LinkedIn Marketplaces, il servizio dedicato ai freelance
Coworking: come influisce sulla produttività?
Uffici, lo Smartworking libera spazi da ripensare