Come lavorare da remoto: 5 suggerimenti sempre validi

Lavorare da remoto può comportare numerosi vantaggi ed innegabili benefici.

Affinché sia un’esperienza realmente produttiva e positiva, bisogna rispettare alcune regole basilari che permettono di trascorrere giornate lavorative piacevoli ed in un ambiente di lavoro organizzato: scopri le 5 principali.

 

5 suggerimenti sempre validi per lavorare da remoto

Darsi orari precisi e rispettare le pause

Una delle sfide principali quando ci si trova a lavorare da remoto è quella di definire con precisione le tempistiche del tuo lavoro: gestirsi in autonomia non è semplice come può sembrare e darsi degli orari di inizio e fine lavoro, così come scandire la giornata con delle pause lontano dal PC, diventa indispensabile.

Pur godendosi la libertà del lavoro flessibile, è consigliato darsi dei tempi fissi e rispettarli, per non rischiare di finire in un flusso indefinito di lavoro che rischierebbe a lungo andare di essere particolarmente stressante.

 

Organizzazione e concentrazione

Dotarsi di una to do list dettagliata è un’altra strategia efficace per rendere il lavoro da remoto davvero produttivo: è bene stilare un elenco di cose da fare, giornaliero, settimanale e mensile, e seguirlo poi con quanto più rigore possibile.

Quando si hanno tasks ben definite e tempi determinati per raggiungerle è più difficile farsi disturbare dalle numerose distrazioni a cui si è soggetti quando si lavora in smart working.

 

Rimuovi le distrazioni

Oltre ai problemi di concentrazione, dovrai anche rimuovere fisicamente dal tuo ambiente di lavoro le distrazioni e le circostanze che distraggono.

Se controlli frequentemente le e-mail o gli aggiornamenti dei social media, puoi utilizzare applicazioni come StayFocusd per bloccare l’accesso a determinati siti web. Se siete il tipo di persona che controlla spesso il telefono, dovrete rilassarvi e spegnerlo e tenerlo da qualche parte lontano mentre vi concentrate sul lavoro.

 

La giusta postazione di lavoro

La regola d’oro del lavoro da remoto? Evitare di operare in postazioni di lavoro non idonee e assumere posizioni non corrette. Lavorare in uno spazio di lavoro adeguato è fondamentale per lavorare con efficienza ed evitare fastidiosi mal di schiena, dolorosi problemi alla cervicale e fenomeni come l’infiammazione dei tendini del polso causati dall’uso del mouse.

Scegliere soluzioni alternative, come un coworking, ti premette di lavorare su una seduta comoda ed ergonomica e da una postazione di lavoro ben organizzata che permetta di avere tutto a portata di mano.

Una corretta illuminazione ha poi un ruolo prezioso per non affaticare lo sguardo e riuscire a lavorare sul computer per diverse ore.

 

Usare i giusti strumenti per lo smart working

Per essere produttivi e davvero smart, quando si svolgono attività in smart working, è bene digitalizzarsi a dovere, inserendo tutti quei tool che possono rendere il lavoro in remoto davvero semplice e fluido. Quali? Ad esempio, Google Drive per una condivisione intuitiva dei file oppure Zoom o Skype per effettuare videochiamate senza intoppi.

 

Asana e Trello sono poi app imprescindibili quando si desidera organizzare il lavoro in team e condividere tasks e piani di lavoro. Google Calendar può essere un prezioso alleato per to do list e scadenze, mentre da non sottovalutare è anche un’app come TeamViewer, per fornire oppure ottenere supporto remoto grazie alla condivisione dello schermo.

 

Segui questi suggerimenti per rendere la tua vita da lavoratore da remoto semplice ed efficiente.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Smart working efficace: le soft skills da avere
Smartworker: le competenze da sviluppare
Uffici, lo Smartworking libera spazi da ripensare