Coworking: come questa realtà potrà salvare le aziende italiane

Scopri come il Coworking può aiutarti a far sviluppare la tua attività.

Il mondo si ferma. Gli spostamenti sono limitati, le aziende sono costrette a chiudere e per sopravvivere hanno dovuto reinventarsi, ripensare i processi, adeguare e aderire ad un lavoro più smart.

La parola d’ordine è Smartworking: mentre il tradizionale Telelavoro è stato cancellato, è diventato obsoleto e sostituito all’improvviso da un termine ancora poco approfondito nel suo reale significato, come una tendenza fashion, anche se in molti dei casi, una call o una risposta via e-mail in teoria dovrebbe ancora essere chiamato telelavoro.

Il lavoro entra in una nuova era, dove flessibilità, orizzontalità e collaborazione devono entrare in gioco per far continuare a girare l’economia.

Qui entrano in gioco i coworking, spazi pensati nel 2005 negli stati uniti ed arrivati in Italia nel 2013, ora diventano essenziali nel post covid-19. Questi spazi danno infatti totale supporto ad un nuovo modo di lavorare, smart e più orizzontale. I Business Space offrano tutti i servizi di un vero e proprio ufficio di design, abbinato con la flessibilità che sostiene l’equilibrio vita-lavoro che si è perso col tempo.

Il lavoro diventa quindi più collaborativo ed umano. La vita torna ad essere più importante, più preziosa e trovare un equilibrio è il nuovo cammino da seguire.

Per le aziende esperimentare l’esperienza da coworker significa puntare sulla riduzione dei costi fissi (essenziali nel periodo di ripartenza), aumentare la produttività donando più flessibilità all’equilibrio vita-lavoro dei suoi collaboratori e riuscire ad attivare un vero e proprio smartworking con internet e software a uguali a quelli utilizzati dalle multinazionali, senza burocrazia.

 

Per gli imprenditori è un modo di continuare a progettare i sogni riducendo i costi ed aumentando il networking.

Vuoi provare questo nuovo modo di lavorare? Prenota ora una settimana di prova gratuita da LinkNow Coworking: info@linknow.it.

 

 

Aggiungi commento