Slash Worker: chi sono e cosa fanno questi professionisti?

Secondo Acta, l’Associazione italiana dei Freelance, l’80% dei liberi professionisti italiani è uno Slash Worker. Persone che hanno fatto della flessibilità e dell’autonomia il proprio mantra. 

 

Con il termine slash worker si intendono tutti quei lavoratori indipendenti che svolgono più professioni simili o totalmente diverse l’una dall’altra. A fare un punto della situazione ci ha pensato un report Acta, come parte del progetto europeo I-Wire che ha coinvolto otto paesi membri.

 

In relazione ai dati Istat 2017, in Italia ci sono 5,3 milioni di lavoratori autonomi, che rappresentano il 23% degli occupati: 8 punti percentuali in più rispetto alla media Ue del 15%. Di questi, secondo Eurostat, circa 3,5% si definiscono freelance, professionisti che guadagnano con attività autonome e lavorano con committenti esterni. I dati non tengono però conto della stratificazione degli impegni lavorativi che, per passione o necessità, i freelance assumono per arrivare a fine mese.

 

L’80% dei freelance italiani può essere definito uno slash worker, sia a causa dell’evoluzione del mondo del lavoro, sia per la crisi che ha colpito soprattutto i giovani.

Piuttosto che cedere, quindi, il freelance italiano è portato a fare più lavori per sostenersi. Secondo Acta questo fenomeno potrebbe però portare alla perdita di qualità e specializzazione o verso il deterioramento delle competenze. Certo, non per tutti è così e, nonostante le difficoltà, lo slash worker è prima di tutto chi affianca al lavoro primario quello che prima era solo un hobby e ora è diventata un’altra fonte di reddito.

 

I freelance italiani sono quindi lavoratori con elevate competenze, più che disponibili alla flessibilità che chiede il mercato, ma sono totalmente esposti alle sue oscillazioni, senza un welfare che li possa proteggere nei momenti di difficoltà e ricevono compensi molto bassi. Per sopravvivere devono quindi adattarsi e fare più lavori, anche a rischio di perdere specializzazione e competenza.

 

Per approfondire, scarica una sintesi dei risultati della ricerca: http://www.actainrete.it/wp-content/uploads/2018/02/Freelance-italiani.pdf

 

Anche tu sei uno slash worker? Racconta la tua esperienza nei commenti!

 

Ti potrebbe interessare anche:

Freelance: i trend da tener d’occhio nel 2020

Aggiungi commento